"Investire nella difesa è diventata un'esigenza indifferibile per l'Unione. Viviamo una crisi globale, con nuovi conflitti ai confini dell'Europa e non solo, in cui serve un impegno comune, rinviato sin dagli anni 50 del secolo scorso, nella difesa, anche in ottica di deterrenza. Ben venga quindi l'idea degli Eurobond. Non si tratta di avanzare politiche bellicistiche, ma al contrario di rafforzare investimenti e un coordinamento operativo su base comune, allo scopo di rafforzare la capacità di preservare i nostri valori di pace, libertà e democrazia. Oltre che di continuare nella costruzione di una politica estera e di sicurezza comune che porti l'Europa a parlare con una voce sola ed essere sempre più attore protagonista negli scenari globali.

Peraltro, come emerge da un dossier di studio del Parlamento UE, gli investimenti comuni nella difesa portano benefici anche economici con guadagni tra i 24 e i 75 miliardi di euro all'anno. Non solo. Con un sistema di appalti congiunti a livello europeo si potrebbe risparmiare fino al 30% della spesa annuale destinata alla difesa dai vari Stati. Risorse che potrebbero essere indirizzate alle politiche sociali e green, oltre che alla ricerca. Mettiamo da parte allora gli ideologismi: investire nella difesa conviene ed è indispensabile per il futuro dell'Europa", cosi il capogruppo del Pd nella commissione affari europei della Camera, Piero De Luca.

Sezione: Politica estera / Data: Sab 24 febbraio 2024 alle 00:30
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print