“Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che chiede di vietare gli allevamenti in gabbia in tutta l’Unione europea entro il 2027. Questa presa di posizione arriva dopo una battaglia del Movimento 5 Stelle in tutte le sedi istituzionali: abbiamo contribuito alla raccolta delle firme dell’iniziativa ‘end of the cage age', che ha ricevuto ben 1,4 milioni adesioni in tutta Europa, organizzando - grazie all’impegno dell’ex Ministro della Salute Giulia Grillo - l’iniziativa di lancio della campagna. Inoltre, da sempre attivisti e portavoce denunciano certi allevamenti-lager su tutto il territorio nazionale. Dopo l’approvazione al Senato della proposta di modifica della Costituzione per inserire la tutela dell’ambiente e degli animali, questo è un altro un passo in avanti fondamentale per il benessere animale e la sicurezza alimentare”, così in una nota congiunta gli europarlamentari del Movimento 5 Stelle Mario Furore e Dino Giarrusso.

“Nonostante la mancata approvazione, di cui ci rammarichiamo, di alcuni emendamenti che avrebbero impedito le importazioni di prodotti che non rispettano le norme UE e che non sono conformi ai requisiti di qualità e sicurezza alimentare, questa risoluzione resta un punto fermo per non lasciare carta bianca alla Commissione europea. Toccherà infatti a Palazzo Berlaymont adesso presentare delle proposte legislative contenenti la fine graduale dell'uso delle gabbie. Noi lavoreremo per facilitare la collaborazione con gli allevatori: vanno sostenuti in questo cambiamento attraverso sovvenzioni che incentivino il passaggio verso un allevamento libero da gabbie. A questo deve essere accompagnato un sistema di etichettatura chiaro e obbligatorio sulla modalità di allevamento e di trasformazione che copra tutto il ciclo produttivo compreso il trasporto e la macellazione”, concludono i due europarlamentari.

Sezione: Politica estera / Data: Gio 10 giugno 2021 alle 21:10
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print