A nome dei senatori e dei deputati iscritti al Gruppo di Amicizia Interparlamentare Italia-Taiwan, provenienti dalla maggior parte dei gruppi di Senato e Camera, desidero esprimere solidarietà al popolo e al governo taiwanesi, nella persona del suo rappresentante in Italia Andrea Sing-Ying Lee, a seguito delle intimidazioni e delle minacce di uso delle forze armate da parte del regime del Partito Comunista Cinese. Tali atteggiamenti sono inaccettabili, tanto più essendo diretti contro un paese pienamente democratico. Va ricordato ai mezzi di informazione che spesso parlano di ‘ritorno di Taiwan sotto la sovranità di Pechino’, che mai l’isola è stata sotto la sovranità del regime comunista. Essa era unita alla Cina continentale al tempo dell’Impero Cinese, caduto nel 1911 e sostituito dalla Repubblica di Cina, il cui governo vede la sua continuità nell’attuale governo di Taipei. La politica della ‘One China’ può avere l’obiettivo di progettare il futuro ma non può mutare la realtà storica”. Lo dichiara il senatore Lucio Malan, presidente del Gruppo di Amicizia Interparlamentare Italia-Taiwan.

Sezione: Politica estera / Data: Mer 03 agosto 2022 alle 23:10
Autore: Veronica Mandalà / Twitter: @very_mandi
vedi letture
Print