Serve che i governi "lavorino sulla loro stabilità e nella stesura dei piani nazionali". La pandemia "riprende in molti paesi e la vigilanza dev'essere molto alta".
Lo dice in un'intervista a Il Messaggero, il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, secondo il quale è positivo che il governo Italiano "abbia messo in campo organismi per definire un piano nazionale che lavori sulle le priorità europee".
Per Sassoli, "è bene che il governo costruisca il suo piano di ripresa tenendo conto di tutte le opportunità offerte dall'Unione europea", Recovery fund "e gli 80 miliardi stanziati fra Sure, Mes sanitario e Bei". Il nuovo piano europeo "offre all'Italia l'opportunità storica per colmare un divario territoriale che non ha paragoni. Non interventi a pioggia, ma scuola, sanità, servizi digitali, sostenibilità e politiche per attrarre le imprese". Inoltre "abbiamo visto con grande interesse il Piano per il Sud proposto dal ministro Provenzano e lo sforzo nell'utilizzo dei 10,5 miliardi di fondi europei impiegati nell'emergenza. Il nostro Mezzogiorno è sempre più questione europea". Necessari inoltre provvedimenti per tutelare le donne e i giovani.
Come Parlamento europeo "stiamo chiedendo di poter valutare i piani nazionali". Escluderlo "sarebbe escludere i cittadini e noi non lo consentiremo".L'organismo "voterà a metà settembre sull'aumento delle risorse proprie". Con la presidente Merkel, sono stati definiti alcuni passaggi del Recovery e del bilancio pluriennale dell'Unione: Se il Parlamento europeo sarà ascoltato "tutto potrà essere pronto per il 1 gennaio". Per Sassoli l'Italia "sta gestendo responsabilmente" l'emergenza migranti "che è comune. Il Parlamento europeo ha chiesto da tempo una riforma basata sul principio che chi arriva sulle coste italiane o greche non sbarca in Italia o in Grecia, ma in Europa". Si è pronti a lavorare sul pacchetto di riforme "che sta mettendo a punto la Commissione, ma chiediamo che si vada oltre l'esistente perché non possiamo stare più appesi al veto di alcuni paesi".
Sassoli infine respinge l'idea di una sua candidatura a sindaco di Roma: "Sarebbe come graffiare le istituzioni europee. Ringrazio comunque chi lo pensa, ma l'eventualità non esiste".

Sezione: Politica estera / Data: Dom 02 agosto 2020 alle 11:20
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print