Maria Pevchikh, dirigente della Fondazione anticorruzione di Alexei Navalny, ha confermato che c'era un piano per il rilascio di Navalny nell'ambito di uno scambio di prigionieri con gli Stati Uniti e la Germania. Questo scambio avrebbe coinvolto anche due cittadini americani detenuti in Russia, in cambio di Vadim Krasikov, un ex colonnello dei servizi di sicurezza russi FSB, detenuto in Germania per omicidio. La situazione evidenzia un contesto complesso di relazioni diplomatiche e negoziati tra diversi paesi.

Sezione: Politica estera / Data: Lun 26 febbraio 2024 alle 12:45
Autore: Redazione Milano
vedi letture
Print