L'accordo di sicurezza, ancora in fase di preparazione, tra Italia e Ucraina è pura e semplice "propaganda". Lo ha detto  Leonid Slutsky, capo della commissione Affari internazionale della Duma, la camera bassa del Parlamento russo, citato dall'agenzia Tass. 

"Il ministero degli Esteri italiano  ha chiarito che l'accordo non sarà un documento giuridicamente vincolante e non prevede garanzie di sostegno politico o militare al regime di Kiev", ha osservato il politico russo che ha sottolineato come la medesima valenza hanno anche gli accordi sottoscritti dal governo ucraino con Berlino, Londra e Parigi oltre a Roma: "si tratta solo di un calcolo a fini propagandistici", ha concluso. 

Sezione: Politica estera / Data: Gio 22 febbraio 2024 alle 17:20
Autore: Tommaso Di Caprio
vedi letture
Print