Nel corso di questa mattina si è tenuto un incontro tra il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Roberto Calderoli e l'Ambasciatore di Spagna in Italia Miguel Angel Fernandez-Palacios Martinez.

"Un cordiale e proficuo momento di dialogo - rende noto Calderoli - che è stato l'occasione utile sia per ribadire l'amicizia tra i nostri Paesi, sia per confrontarci sul tema dell'autonomia. Infatti la Spagna, con le sue comunità autonome riconosciute dalla Costituzione, è un modello tra quelli che abbiamo preso in considerazione per dare piena attuazione all'autonomia, che anche per l'Italia è presente in Costituzione dal 2001 e alla quale il Governo intende dare piena attuazione con la riforma oggi all'esame del Parlamento. L'Ambasciatore ha manifestato grande interesse per il percorso avviato dall'Italia verso quell'autonomia che in Spagna ha radicalmente cambiato il Paese in meglio, stimolando lo sviluppo socio-economico e colmando progressivamente i divari tra i diversi territori. Testimonianza dei benefici dell'autonomia in Spagna si possono notare infatti attraverso l'analisi dei dati macroeconomici del Paese negli ultimi anni e da casi di studio specifici per le comunità autonome, che dimostrano come grazie all'autonomia ci siano stati miglioramenti della situazione socio-economica più rilevanti. L'autonomia ha dunque favorito ed amplificato dinamiche di sviluppo economico e sociale, riducendo i divari territoriali. Esempi concreti che dimostrano il successo dovuto all'applicazione dell'autonomia, che responsabilizza i territori nel segno di trasparenza e buona amministrazione nell'interesse del Paese intero e dei singoli territori".

A margine del colloquio, il ministro Calderoli fatto visitare all'ambasciatore anche la sala delle Conferenze, sottolineandone l'importanza in quanto luogo dove si realizza concretamente il dialogo e la collaborazione dell'amministrazione centrale con Regioni, Province e Comuni italiani.

Sezione: Politica estera / Data: Gio 29 febbraio 2024 alle 21:40
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print