Israele ha il diritto di "esercitare il proprio diritto alla difesa" ma deve rispettare il diritto internazionale e l'operazione su larga scala a Rafah "avrebbe conseguenze catastrofiche sulla popolazione civile". Così in una lettera al ministro degli esteri israeliano Israel Katz, gli omologhi d'Italia, Canada, Danimarca, Francia, Finlandia, Germania, Giappone, Nuova Zelanda, Olanda, Gran Bretagna, Svezia, Australia e Corea del Sud, coordinati da Antonio Tajani per la presidenza del G7. I ministri ribadiscono l'opposizione "a un'operazione militare su larga scala a Rafah" e la richiesta di un "piano credibile" per proteggere i civili

Sezione: Politica estera / Data: Ven 17 maggio 2024 alle 12:00
Autore: Veronica Mandalà / Twitter: @very_mandi
vedi letture
Print