Agrigento, 29 lug - “L’Ue non sottovaluti il rischio di terroristi sui barconi in arrivo verso le nostre coste. Nei giorni del caos politico e istituzionale che ha colpito la Tunisia, l’allarme sulla rotta dei jihadisti e il pericoloso legame tra terrorismo e flussi migratori, di cui ha parlato il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero de Raho in audizione presso il comitato parlamentare Schengen, non può assolutamente essere ignorato. La Lega ha più volte evidenziato questo segnale di pericolo, purtroppo ripetutamente sottovalutato dall’Ue. La sicurezza deve avere la priorità, soprattutto alla luce del disgregamento dello Stato islamico, delle recenti minacce rivolte dall’Isis all’Italia e della diffusa instabilità dell’area. Bruxelles - che ha sempre minimizzato questo collegamento nonostante le nostre segnalazioni - e Roma, per le proprie competenze, devono intervenire per fermare e controllare il flusso dei migranti. Lo stesso procuratore Cafiero de Raho ha ricordato anche quanto accaduto in occasione dell’attentato nella basilica di Notre Dame a Nizza in merito alla provenienza dell’attentatore, sbarcato a Lampedusa il 19 settembre. Di fronte a questo pericolo reale, l’Europa non può permettersi di farsi trovare impreparata, o peggio di sottovalutare il rischio magari nascondendosi dietro al politicamente corretto o alla politica dell’immigrazione senza limiti. Serve la massima allerta”.

Così in una nota Annalisa Tardino, europarlamentare della Lega, coordinatrice ID in commissione Libe.

Sezione: Politica estera / Data: Sab 31 luglio 2021 alle 20:45
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print