"Giorgia Meloni e Fratelli d'Italia vantavano grande amicizia con Nethanyau, con la destra israeliana. Ora questo vi impone una responsabilità. Parlare chiaro. Dire con chiarezza che, se si vuole lasciare aperta una prospettiva di pace, il finanziamento dell'espansione degli insediamenti illegali è inaccettabile. Lo sta dicendo parte importante della società israeliana. Così come è inaccettabile la protezione dell'esercito alle provocazioni, alle umiliazioni dei coloni nei confronti dei palestinesi a cui è impedita persino la raccolta delle olive. Dire che non possono restare impuniti i crimini commessi in West Bank. Ieri il segretario di Stato americano, Anthony Blinken, ha annunciato sanzioni contro i coloni che stanno cercando di far esplodere la Cisgiordania. Facciamolo anche noi, come Italia, come Europa. E non perdiamo di vista Gerusalemme, patrimonio dell'umanità e dimora anche della nostra preziosa comunità cristiana, dove è stata sciaguratamente autorizzata dal Governo israeliano per domani una manifestazione di nazionalisti, che potrebbe sfociare in scontri capaci di incendiare non la Palestina, ma l'intera regione. La pace non può restare una mera invocazione o un espediente retorico che copre l'inerzia e l'indifferenza. Il tempo è adesso".

Lo ha detto il deputato democratico, Giuseppe Provenzano, responsabile Esteri del Pd, intervenendo in Aula dopo l'informativa del ministro della Difesa, Guido Crosetto, sugli aiuti umanitari in Medio Oriente.

Sezione: Politica estera / Data: Gio 07 dicembre 2023 alle 09:50
Autore: Redazione PN
vedi letture
Print