La Corte europea dei diritti umani (CEDU) ha accettato un ricorso contro l'Italia presentato dall'ex segretario dei Radicali italiani, Mario Staderini, e da alcuni cittadini che contestano le modifiche apportate al sistema elettorale italiano responsabili di aver violato i diritti dei cittadini italiani nelle elezioni politiche del settembre 2022, che sono state vinte dalla premier Giorgia Meloni. L'ammissione del ricorso risale al febbraio scorso, ma la notizia è emersa solo recentemente.

Palazzo Chigi ha  tempo fino al 29 luglio per replicare è sta già lavorando alla memoria difensiva: "la Cedu ha posto delle questioni - rileva il sottosegretario alla Presidenza Alfredo Mantovano - e si sta lavorando per rispondere. Noi ovviamente riteniamo infondato il ricorso".

Sezione: Politica estera / Data: Ven 17 maggio 2024 alle 17:40
Autore: Tommaso Di Caprio
vedi letture
Print