Il 2023 ha rappresentato un anno di grande successo per la penetrazione di Russia e Cina nel continente africano ai danni degli interessi dei paesi europei. E' quanto si legge nella Relazione annuale dell’Intelligence 2023, presentata oggi a Roma.

Nel 2023, l'Africa ha visto un aumento significativo della presenza, anche militare, di attori internazionali come Russia e Cina, in un contesto globale turbolento segnato dalla crisi in Gaza e dal conflitto in Ucraina, sottolinea il rapporto che spiega il successo di Pechino e Mosca nel continente africano con l'indebolimento delle istituzioni locali e il contestuale riacutizzarsi dei conflitti tra fazioni ed etnie. I colpi di stato nella subregione sahariana del Sahel hanno favorito l'ingresso più incisivo di cinesi e russi nel continente africano. In particolare, il rapporto evidenzia che il Cremlino ha mantenuto un forte interesse nel Nord Africa esercitando pressione sul fronte meridionale dell'Alleanza Atlantica e minacciando gli interessi europei e occidentali.

Sezione: Politica estera / Data: Mer 28 febbraio 2024 alle 16:10
Autore: Tommaso Di Caprio
vedi letture
Print