"Le nostre sanzioni contro la Russia funzionano, il Pil crollerà del 11%, un crollo maggiore di quello prodotto durante il crollo dell'Urss". Lo ha dichiarato Luc Pierre Devigne, direttore esecutivo del Servizio esterno dell'Ue, nel corso della sua audizione alla commissione Esteri dell'Eurocamera. Inoltre, spiega, "Mosca è sempre più isolata, partner come Cina e India hanno espresso le loro preoccupazioni per l'intervento militare". "Riteniamo perciò che la strada scelta dall'Ue funzioni e che dobbiamo essere ancora più risoluti, non è questo il momento di cedere" conclude.

Sezione: Politica estera / Data: Mar 27 settembre 2022 alle 12:30
Autore: Veronica Mandalà / Twitter: @very_mandi
vedi letture
Print