Giappone, urne aperte a Tokyo. Dalle prime ore del mattino elezioni comunali per gli oltre 11,4 milioni di aventi diritti al voto, con i primi exit poll che danno per favorita l'attuale governatrice Yuriko Koike. I principali temi dibattuti dai 21 candidati alla guida del governo metropolitano sono la futura gestione delle Olimpiadi di Tokyo, ufficialmente rinviate all'estate del 2021, e i necessari provvedimenti contro l'espansione della pandemia del coronavirus, in particolare dopo i recenti segnali di un incremento delle infezioni nella capitale, sebbene a livelli di gran lunga inferiori rispetto ad altre metropoli di analoghe dimensioni. Alle 3 del pomeriggio, ora locale, secondo le elaborazioni dell'agenzia Kyodo, la partecipazione al voto era del 24%, in calo di quasi 4 punti percentuali rispetto alle consultazioni di quattro anni fa. Oltre alla 67enne Koike - ex ministro della Difesa e dell'Ambiente negli esecutivi guidati dall'attuale premier Shinzo Abe e ferma sostenitrice delle Olimpiadi, tra i candidati più popolari ci sono il presidente della federazione degli avvocati - contrario allo svolgimento dei giochi olimpici, il vice governatore della prefettura di Kumamoto, e un ex attore e personalità anti-sistema, che si batte per l'abolizione del canone della tv pubblica. Nonostante l'emergenza sanitaria, lungo i 17 giorni della campagna elettorale le autorità cittadine hanno deciso di allargare il numero dei seggi elettorali, proprio per evitare la formazione di eccessivi assembramenti. A differenza degli altri candidati la campagna di Koike è stata condotta quasi esclusivamente sui social media. Ad oggi Tokyo ha registrato un totale di 6.700 infezioni di coronavirus, circa un terzo dei quasi 20.000 casi a livello nazionale.

Sezione: Politica estera / Data: Dom 05 luglio 2020 alle 14:10 / Fonte: Ansa
Autore: Roberto Tortora
Vedi letture
Print