La Cina ha respinto con fermezza le accuse di "diffamazione" rivolte al suo progetto infrastrutturale delle Vie della Seta dopo il ritiro dell'Italia e di alcuni altri Paesi. Il portavoce del Ministero degli Esteri, Wang Wenbin, ha dichiarato: "La Cina si oppone fermamente alla diffamazione e all'indebolimento della cooperazione sulla costruzione congiunta della Belt and Road". Ha aggiunto che Pechino si oppone anche al "confronto e alla divisione tra i campi che causano la separazione".

Il Ministero degli Esteri cinese non ha commentato direttamente la decisione dell'Italia di ritirarsi dall'iniziativa Belt and Road Initiative (BRI), ma Wang ha sottolineato che oltre 150 paesi partecipano all'iniziativa, dimostrando che si tratta del "prodotto pubblico internazionale più popolare e della più grande piattaforma di cooperazione internazionale oggi al mondo". Ha anche evidenziato che l'Italia ha inviato rappresentanti al forum BRI di Pechino lo scorso ottobre.

Sezione: Politica estera / Data: Gio 07 dicembre 2023 alle 17:00
Autore: Tommaso Di Caprio
vedi letture
Print