Le sanzioni contro i responsabili delle presidenziali in Bielorussia e delle violenze sui manifestanti sono un'opzione sul tavolo del consiglio Esteri Ue straordinario convocato per venerdì. Lo ha detto Il ministro degli Esteri svedese, Ann Linde, in un'intervista all'emittente Svt, spiegando che le misure restrittive potrebbero essere concordate se Minsk non rilascerà subito i detenuti delle proteste contro i risultati delle elezioni di domenica. Si legge sugli on-line dei quotidiani svedesi. Ieri i capi delle diplomazie dei Paesi nordici e baltici, avevano pubblicato una dichiarazione dura chiedendo che la Bielorussia rilasci i manifestanti arrestati. Un appello che era stato rivolto anche dall'Ue nel suo insieme. (ANSA).

Sezione: Politica estera / Data: Mer 12 agosto 2020 alle 13:40
Autore: Rosa Doro
Vedi letture
Print