Gli Stati Uniti e la Cina, all'indomani del vertice tra Joe Biden e Xi Jinping avvenuto virtualmente, hanno annunciato un accordo per allentare le restrizioni sui visti dei giornalisti stranieri operanti nei due Paesi. E' una mossa mirata ad alleggerire le tensioni in questo ambito dopo l'espulsione di cronisti cinesi all'epoca dell'amministrazione Trump. E' il Dipartimento di Stato USA a riferirlo dopo che l'indiscrezione era uscita su China Daily, il giornale sotto il controllo del governo cinese. Dopo questo accordo, il New York Times, il Wall Street Journal ed il Washington Post potranno inviare nuovamente giornalisti in Cina, ma non è chiaro se i corrispondenti espulsi l'anno scorso potranno rientrare nel Paese. Gli Stati Uniti, che avevano limitato i visti per i giornalisti cinesi a 90 giorni, forniranno visti di un anno per i reporter stranieri, rinnovabili annualmente. Entrambi i Paesi hanno concordato di rendere più facile per i giornalisti andare e venire senza il timore di perdere la possibilità di tornare al lavoro. 

Sezione: Politica estera / Data: Mer 17 novembre 2021 alle 08:40
Autore: Giovanni Spinazzola
vedi letture
Print