Riguardo all'attualità politica e all'incremento dei contagi in Veneto, la redazione di PoliticaNews.it ha intervistato in esclusiva Giorgio Pasetto, esponente di rilievo di Più Europa Veneto.

Come si spiega l'incremento dei contagi in Veneto?

"Sono dettati dalla politica oscillante adottata da Zaia e Salvini alla ricerca del consenso. I due vengono dipinti dai media come avversari di partito, ma alla fine sono la faccia della stessa medaglia. Peccato che a rimetterci siano i veneti. Il professor Crisanti ha tracciato alcune linee guida ben precise: speriamo vengano accolte!".

A livello nazionale invece come giudica l'operato del premier Conte?

"Meglio il Conte II del Conte I. Ma noi, fermamente all'opposizione, condanniamo fermamente provvedimenti presi nel Conte I come i decreti sicurezza, ancora in vigore. In più siamo totalmente contrari alla richiesta incostituzionale del taglio dei parlamentari richiesta dai 5 Stelle: è un danno per la democrazia".

Quali aspettative elettorali nutrite in Veneto? Zaia è un candidato molto forte...

"Auguriamoci non vinca per il bene dei veneti. Purtroppo votare ora è un vero e proprio problema strutturale, perchè si vota a settembre e la campagna elettorale è da fare in agosto, nel pieno delle ferie. Ma questo non mi sorprende: del resto Zaia voleva votare addirittura a luglio!".

Sezione: Esclusive / Data: Mer 05 agosto 2020 alle 10:10
Autore: Luca Cavallero
Vedi letture
Print