In esclusiva ai microfoni di Politicanews.it, ha parlato Francesco Lollobrigida, Capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera dei Deputati. Con l'onorevole abbiamo affrontato diversi temi:

Fratelli d’Italia ha deciso di restare all’opposizione, dopo questi primi giorni di governo, e completata la lista dei sottosegretari, come vede per ora il nuovo esecutivo?

Completata la squadra di viceministri e sottosegretari abbiamo avuto la conferma di essere di fronte a un governo di compromesso, molto politico e poco tecnico, sbilanciato a sinistra e in perfetta continuità con il passato. Un esecutivo di forze eterogenee che ha trovato la quadra con il manuale Cencelli e il bilancino per distribuire poltrone e posti di potere. Resto convinto che non si possano risolvere i problemi dell’Italia con gli stessi che hanno messo in ginocchio la nostra Nazione. Sembra più un Conte ter che un governo Draghi, come se tutto sia stato cambiato per non cambiare nulla.

In vista delle riforme più importanti da affrontare con urgenza (giustizia su tutte) quali sono le proposte di Fratelli d’Italia?

L'attuale riforma della prescrizione costituisce una bandiera ideologica per il M5S ma non risolve i problemi della giustizia. Servono processi rapidi e pene certe non spot pubblicitari.

Più volte si è invocato un cambio di passo soprattutto nella gestione della pandemia. Ad oggi questo sta avvenendo secondo lei?

No, fino ad oggi non c’è stato. Si procede ancora con Dpcm, come con Conte. Si lascia Speranza al ministero della Salute, quando la nostra Nazione è tra i primi posti per indice di letalità e mortalità. Ci si affida ancora al commissario Arcuri: il responsabile del caos vaccinale, colui che voleva costruire padiglioni per le vaccinazioni a 400mila euro l’uno e che dovrebbe fare chiarezza sugli appalti per le mascherine. Il cambio di passo, ad ora, è rimasto solo un appello.

I vaccini subiranno ulteriori ritardi per quanto riguarda gli approvvigionamenti, secondo lei sarebbe utile far pressione sulla UE affinché si prendano in considerazione anche altri vaccini già in uso nel mondo come quello russo o quello cinese?

L’UE ha enormi responsabilità per la mancata consegna dei vaccini e per i ritardi negli approvvigionamenti. Mentre Israele ha vaccinato oltre l’80% della popolazione, in Europa nessuna Nazione, Malta esclusa, ha raggiunto il 10%. A dimostrazione che la campagna va a rilento e l’immunità di gregge, da raggiungere in estate, resterà solo una promessa. Tutto quello che può salvare vite e tutelare la salute dei cittadini dovrebbe una priorità, anche l’utilizzo di altri vaccini.

Sulle restrizioni ci si avvia ad un altro mese di blocco fino a Pasquetta, quali devono essere però le priorità da salvaguardare senza aggravare la crisi economica e psicologica degli italiani?

Per Fratelli d’Italia chi rispetta i protocolli ha il diritto di aprire la propria attività. I ristoratori, ad esempio, non comprendono perché possono restare aperti a pranzo e non a cena. Forse perché il virus circola solo dopo le 18? Basta parlare di ristori in base ad assurdi codici Ateco, il governo garantisca adeguati risarcimenti e la copertura dei costi fissi. Gli indennizzi siano calcolati in base ai fatturati degli anni precedenti e si tutelino gli autonomi e le partite Iva. Gli oltre 4 miliardi di euro del cashback, ad esempio, potrebbero essere utilizzati per sostenere la ripresa delle categorie commerciali più colpite dalle misure anti COVID, come bar, ristoranti, alberghi, palestre e operatori turistici.

Sezione: Esclusive / Data: Ven 26 febbraio 2021 alle 10:30
Autore: Christian Pravatà / Twitter: @Christianpravat
Vedi letture
Print