Riguardo all'attualità politica, la redazione di PoliticaNews.it ha intervistato in esclusiva Mario Coppeto, esponente quota Leu.

Come commenta il prolungamento delle restrizioni, contemplanti anche Pasqua?

"Non esiste giusta restrizione rispettosa rischio salute. Nei fatti ci troviamo difronte alla terza ondata. Occorre ancora sacrificare il modello socioeconomico precedente la pandemia per scongiurare altri decessi. Tutto questo deve avvenire in bilanciamento all'avanzare del piano vaccini e il soddisfacimento del disagio lavoro con nuovi ristori o compensazioni che dir si voglia. Se i soldi non bastano, si trovino inasprendo la lotta all'evasione fiscale".

Quali sono le priorità più urgenti, fronte vaccini?

"Trovo sensata la possibilità di somministrare una sola dose per un più esteso campione della popolazione. Credo anche che bisogna intensificare la somministrazione nei territori in cui l'incidenza è più alta. Penso alle grandi città in quanto luogo di alta concentrazione di promiscuità e contagi. Produrre il vaccino nel nostro paese è un tema serio. Peccato che ce ne siamo accorti tardi. Se tutto va bene avremo risultati a fine anno. Mannaggia!".

Come giudica la rimozione di Arcuri?

"Vivo sempre nella massima che dice: "i cimiteri sono pieni di persone insostituibili". Per carità, lunga vita ad Arcuri. Mi auguro che la scelta di draghi sia quella giusta, vedremo. Non mi spaventa una soluzione tipo militare, anzi, in questo contesto mi sarei aspettato che l'istituto farmaceutico militare, avesse svolto una funzione proprio in relazione alla produzione, su licenza, di vaccini. In gioco c'è un problema di democrazia".

Sezione: Esclusive / Data: Ven 05 marzo 2021 alle 10:30
Autore: Luca Cavallero
Vedi letture
Print