Riguardo all'attualità politica, la redazione di PoliticaNews.it ha intervistato in esclusiva Guido Castelli, esponente quota Fratelli d'Italia.

Come commenta le riaperture annunciate da Draghi?

"Il 18 maggio 2020 finiva il lookdown imposto dal governo Conte, il 26 aprile 2021 quello del governo Draghi. La tanto sbandierata "discontinuità" alla fine si è concretizzata in 23 giorni di differenza. Dopo 60 giorni di governo, Draghi non ha fatto nulla di molto diverso da quanto fatto da Conte. L'unica scelta "rivoluzionaria" è stato quella di aver preso atto della inadeguatezza del sig. Arcuri. Nella gestione della crisi causata dal Covid Draghi è stato in sostanziale continuità con Conte, deludendo quanti speravano in un sostanziale cambiamento e la conferma del Ministro Speranza ne è il fatto più evidente. Spesso mi tornano in mente le parole del Presidente Mattarella all'atto del conferimento dell'incarico a Draghi: non possiamo votare perché ci sono due priorita: il recovery fund e la vaccinazione della popolazione; per quanto riguarda il piano da presentare all'UE la prossima settimana va in parlamento e quindi si risolve la prima priorità, per il piano vaccinale ormai l'organizzazione messa in piedi dal Generale Figliuolo garantisce la massima copertura per l'inizio dell'estate. Logica vorrebbe che andassimo al voto. Senza se, senza ma".

Come giudica, sin qui, l'operato di Speranza?

"Credo che Speranza sia stato l'uomo sbagliato nel posto sbagliato. Ha pensato di risolvere il Covid con la stessa logica con la quale i crociati risolvevano il problema della fedeltà coniugale, con la cintura di castità. Prova della sua incapacità è stato il ritiro del libro nel quale si autoproclamava salvatore della salute del popolo italiano. La sua gestione è stata un susseguirsi di errori clamorosi. Il più grave ? l'aver impedito le autopsie sui deceduti da Covid. La scienza medica dice che per scoprire le cause di un decesso è FONDAMENTALE l'esame autoptico perché una volta scoperta la causa si possono applicare trattamenti medici e farmacologici. Altro episodio che dimostra la sua incapacità è stato il bruttissimo episodio del piano pandamico nazionale, al riguardo era evidentissima la sua difficoltà a rispondere alle domande della Annunziata nell'ultima edizione di mezz'ora in più".

Sezione: Esclusive / Data: Mar 20 aprile 2021 alle 17:30
Autore: Luca Cavallero
Vedi letture
Print