Riguardo all'attualità politica, la redazione di PoliticaNews.it ha intervistato in esclusiva Giorgio Maria Bergesio, esponente quota Lega.

Come commenta il dibattito Draghi-Regioni?

"Credo sia positivo e basato su un confronto nuovo rispetto al precedente governo, che invece decideva e disponeva col favore delle tenebre. Il duo Conte-Arcuri più di una volta si è dimostrato colpevolmente lontano dalle richieste avanzate dai governatori, arrivando a sfiorare l'inopportuno scontro istituzionale. Col governo Draghi, voluto anche dalla Lega per senso di responsabilità, è innegabile come il rapporto Stato-Regioni viva un nuovo corso; prova ne è la disponibilità, ricompresa nel decreto in vigore da ieri, del presidente Draghi di verificare eventuali allentamenti delle restrizioni basandole sull'analisi dei dati, così come segnalato dalle Regioni e dalla Lega. Per rilanciare il Paese serve si seguire la scienza e gli indicatori della pandemia, ma è altrettanto necessaria una coraggiosa programmazione delle riaperture, che consentano ai tanti comparti provati dalla pandemia di riprogettare il proprio futuro".

Per quali ragioni, a suo giudizio, il numero di vaccinazioni è sempre, a fine giornata, troppo esiguo?

"Perché scontiamo ancora le imbarazzanti decisioni prese dall'inefficiente commissario Arcuri, capace di sperperare i soldi pubblici nei fallimentari acquisti per la scuola così come negli incomprensibili arredi della campagna vaccinale (penso ai padiglioni a forma di primula), anziché concentrare risorse ed energie nell'acquisto di dosi sufficienti alle platee dei vaccinandi. Il compito che il generale Figliuolo ha assunto non è per nulla semplice: combattere senza tregua la diffusione del virus e recuperare i ritardi logistici e strategici di chi ha sprecato tempo e soldi, mentre le altre nazioni cominciavano a correre. Ricordo le critiche che si mossero alla Gran Bretagna: guardate ora dove sono arrivati, addirittura in grado di programmare riaperture e accessi inimmaginabili fino a qualche mese fa. Ora le dosi cominciano ad arrivare fluidamente; per questa ragione confido che nei prossimi giorni si raggiungerà un alto standard di vaccinazioni che ci consentiranno di scrivere una fase nuova nel contrasto al Coronavirus".

Come commenta l’intervento dell’ex premier Conte, nell’ultima assemblea dei 5 Stelle?

"Conte è per noi il passato, il volto di un governo incapace di guidare l'Italia attraverso una tragedia sociale, sanitaria ed economica qual' è quella che abbiamo vissuto e ancora stiamo vivendo. Le prove del suo fallimento sono sotto gli occhi di tutti e difficilmente possono essere confutate. Quello che accade però negli altri partiti non è di nostro interesse, la Lega preferisce lavorare nel pieno interesse degli italiani anziché polemizzare o perdere tempo in inutili contrapposizioni. Ritengo poi che il giudizio su quanto accaduto e su come si è agito prima o poi lo daranno i soli titolati a farlo: le cittadine e i cittadini di questo straordinario Paese a cui la politica deve tornare a dare risposte, certezze e visione".

Sezione: Esclusive / Data: Gio 08 aprile 2021 alle 13:30
Autore: Luca Cavallero
Vedi letture
Print