In merito all'attualità del dibattito politico italiano, la redazione di PoliticaNews.it ha intervistato in esclusiva Gianluca Benamati, deputato del Partito Democratico.

Onorevole Benamati, partiamo dall'emergenza sanitaria. L'Italia è, ad oggi, in grado di fronteggiare un'eventuale seconda ondata?

"Mi sta chiedendo di fare previsioni sulle quali non ho competenze mediche. Posso però dire che il nostro paese è stato scosso da un'emergenza senza nessun precedente storico e che finchè non ci sarà un vaccino non ci sono tante alternative rispetto alla pratica delle norme indicate: distanziamento sociale, mascherine e igiene personale. Dopodichè si parla di Mes, le cui clausole sarebbero relative soltanto al suo utilizzo in ambito di spese sanitarie: mi sembra che il buon senso dovrebbe portarci ad avvalercene, dal momento che - in una situazione di emergenza come quella che stiamo vivendo - costituirebbe uno strumento ausiliare non da poco".

Passando invece agli appuntamenti elettorali di settembre qual è la sua chiave di lettura? Concorda con la linea Zingaretti (riproporre, laddove è possibile, la medesima alleanza di governo nazionale sui territori)?

"Sì, mi sembra la scelta più logica. Vedremo se i nostri alleati vorranno convergere in quanti più territori possibili con noi. In passato non sempre è stato possibile: penso all'Emilia per esempio, dove però abbiamo vinto grazie ad un candidato molto abile come Bonaccini. Porte ovviamente aperte, sperando sia possibile presentarsi insieme: logico che poi, in caso non si raggiungesse un accordo e si perdesse, siano al contempo consapevoli delle loro scelte iniziali".

Sezione: Esclusive / Data: Mer 08 luglio 2020 alle 17:00
Autore: Luca Cavallero
Vedi letture
Print