La redazione di Politicanews.it ha contattato in esclusiva Carlo Bagnasco, sindaco di Rapallo, comune in provincia di Genova, per discutere della ripartenza, della gestione del governo e degli aiuti previsti ai commercianti del paese ligure.

Sindaco Bagnasco, qual è la situazione attuale a Rapallo?

“Inizia la fase 3 e pian piano si sta tornando alla normalità. È una fase molto delicata e non bisogna abbassare la guardia ma sono moderatamente ottimista. I nostri cittadini si sono comportati in maniera responsabile seguendo le regole in maniera rispettosa del distanziamento sociale e dell’uso della mascherina. Stiamo lavorando senza sosta per rendere accogliente la nostra città e per affrontare il periodo estivo in massima sicurezza e serenità, cercando di realizzare qualche piccolo momento di svago a seconda di quello che saranno le disposizioni governative”.

Le spiagge potranno riaprire? Come pensa di poter risolvere il problema degli spazi?

“Il Comune di Rapallo sta predisponendo un progetto per fare in modo che i cittadini possano fruire delle porzioni libere di arenile in sicurezza tramite l’attuazione delle misure necessarie per il contenimento della diffusione da Coronavirus. Il progetto prevede la stipula di una convenzione con la Guardia Costiera Ausiliaria, il cui personale volontario specializzato con compiti di protezione civile, effettuerà servizio di assistenza e controllo nelle spiagge libere durante l’orario di balneazione. Le spiagge saranno suddivise in lotti tramite nastri segnalinee”.

Come pensa di venire in contro alle esigenze dei ristoranti?

“Stiamo cercando di fare il possibile per aiutare tutti gli esercenti e gli operatori che sono stati profondamente colpiti dall’attuale emergenza sanitaria. Abbiamo deciso di dare la possibilità ai titolari di pubblici esercizi di somministrazione ed artigiani alimentari di usufruire delle aree pubbliche disponibili in prossimità ai locali, nel periodo che va dal 1 giugno al 31 ottobre. La finalità è quella di destinarle a nuove occupazioni o all’ampliamento di quelle esistenti fino ad un massimo della superficie già concessa per il posizionamento di tavolini, sedie, panchine, ombrelloni ed altre strutture mobili di delimitazione dell’area”.

Che aiuti sono previsti per i piccoli commercianti?

“In questi tre mesi abbiamo cercato di fare il possibile per tutti i cittadini. Abbiamo avviato un servizio totalmente gratuito di fornitura e consegna a domicilio di generi alimentari e un servizio dei buoni spesa a favore di nuclei familiari in condizioni di temporanea difficoltà. Per i commercianti abbiamo deciso di sospendere definitivamente la Tari fino al 16/09/2020”.

Che giudizio dà alle azioni del governo Conte?

“È stata una situazione molto complessa per tutti. Ritengo tuttavia che i provvedimenti non siano stati abbastanza incisivi. Le risorse e la liquidità necessarie a cittadini e imprese in tempi brevissimi non sono ancora state erogate, un esempio su tutti, i forti ritardi nella somministrazione della cassa integrazione”.

Quali saranno gli effetti immediati del Decreto Rilancio?

“Ho accolto favorevolmente la parte riguardante il sostegno al settore edile. Molto interessante infatti la possibilità di usufruire di un ecobonus al 110% per interventi di isolamento termico, impianti fotovoltaici e interventi antisismici. Il contribuente potrà quindi realizzare lavori gratuitamente cioè optare per uno sconto in fattura da parte del fornitore, che potrà recuperarlo sotto forma di credito di imposta e cederlo ad altri soggetti, compresi banche e altri enti finanziari”.

Chi vive di turismo si chiede cosa succederà nelle prossime settimane…

“Il 3 giugno c’è stata la riapertura delle regioni in tutta Italia e sono molto fiducioso. Il turismo quest’estate sarà prevalentemente italiano e noi accoglieremo a braccia aperte i cittadini che hanno la seconda casa a Rapallo. Punteremo su questo tipo di turismo, contando sul senso civico delle persone e garantendo una massima sicurezza in tutta la città”. 

Sezione: Esclusive / Data: Lun 15 giugno 2020 alle 21:00 / Fonte: Intervista a cura di Raffaella Bon
Autore: Simone Dinoi
Vedi letture
Print