AssoCSP (l'associazione di categoria che raggruppa i fornitori di contenuti e servizi a valore aggiunto per la telefonia cellulare) è stata audita dall’Agcom, nell’ambito della consultazione pubblica che mira a raccogliere osservazioni in merito allo schema di futura delibera per il blocco e l'attivazione dei servizi VAS. AssoCSP in quella sede ha evidenziato all’Autorità che “la tutela del consumatore può attuarsi con metodologie diverse rispetto alla chiusura del mercato che metterebbe in crisi parecchie aziende del settore con la conseguente perdita di posti di lavoro. La soluzione – ha sottolineato l’associazione – è quella di utilizzare società antifrode che tutelerebbero meglio i consumatori, garantendo loro una più ampia libertà di scelta, soluzione già adottata in altri Paesi europei che in tal modo hanno risolto il problema salvaguardando il mercato”. AssoCSP, che da tempo ha chiesto ad Agcom di non applicare scelte proibizionistiche (il barring) o anacronistiche (l’invio di una doppia password per l’attivazione) ha inoltre ribadito all’Autorità la necessità di “far applicare in modo rigoroso il Codice di Condotta per i Servizi Premium che, per i suoi contenuti, potrebbe dare maggior tutela agli utenti”. Infine, secondo l’associazione, “la chiusura del mercato porterebbe alla diffusione di quelle nuove soluzioni tecnologiche, già operative, prive di regolamentazione che non garantiscono alcuna tutela per i consumatori finali”.

Sezione: Altre Notizie / Data: Mer 30 settembre 2020 alle 21:15
Autore: Ivan Filannino
Vedi letture
Print