La Corte suprema della Federazione russa ha riconosciuto come “illegale” il movimento sociale internazionale Lgbti in quanto “organizzazione estremista” e lo ha messo al bando dal Paese. Lo riferisce l’agenzia di stampa “Ria Novosti”. La misura, richiesta dal Ministero della Giustizia russo, entra in vigore da oggi. Il dicastero ha evidenziato come le attività del movimento Lgbti " rivelino vari segni e manifestazioni di orientamento estremista, inclusa la provocazione per discordia sociale e religiosa”.

Sezione: Altre Notizie / Data: Gio 30 novembre 2023 alle 16:20
Autore: Tommaso Di Caprio
vedi letture
Print