Al termine della discussione dell'udienza preliminare per la richiesta di rinvio a giudizio di Matteo Salvini, ministro dell'Interno dell'allora governo Lega-M5S e accusato di sequestro di persona per il ritardo dello sbarco di 131 migranti nel luglio 2019 presenti sulla nave Gregoretti, la richiesta del Pm di Catania, Andrea Bonomo, è stata di "non luogo a procedere", poiché "Salvini non ha violato le convenzione internazionali. E il governo condivideva le sue valutazioni - ha aggiunto. Non si può parlare di sequestro di persona e la condotta del ministro non costituisce reato" ha concluso il Pm.

Sezione: Altre Notizie / Data: Sab 10 aprile 2021 alle 11:10
Autore: Simone Gioia
Vedi letture
Print