"Ho compilato e aggiornato molte cose, lavorando incessantemente. Ho anche cominciato a mettere mano al Piano anti-influenzale, dato che nel frattempo si stavano generando le linee guida Oms, poi pubblicate nel biennio 2017-2018. Avevo lasciato una memoria alla ministra Lorenzin, che venne discussa brevemente con il Gabinetto. Il commento fu che non esisteva copertura finanziaria".

Così, oggi in un'intervista su La Repubblica, il direttore vicario dell'OMS, Ranieri Guerra.

"Non ho saputo niente della versione finale e della pubblicazione - dice Guerra sul report di Zambon. Alle 19.30 del 13 maggio Zambon mi comunica via mail, mettendo in copia Hans Kluge, (direttore regionale Europa a Copenaghen, ndr) che era sul sito". L'ok dell'OMS sul piano di Zambon? "Non è vero. Mi ero speso in prima persona e in buona fede per garantire le autorizzazioni che mi aveva chiesto di facilitare. All’inizio mi ha detto di averle ottenute quasi tutte, ma dai verbali della seduta valutativa emerge la richiesta dell’ufficio legale di Ginevra di verificare alcuni punti prima di esprimere il parere definitivo. Che, a quanto ne so, non è stato concesso". Qualcuno del governo italiano fece pressioni per ritirare il report? "Non mi risulta. È una domanda da rivolgere a Kluge e a Zambon".

Sezione: Altre Notizie / Data: Sab 15 maggio 2021 alle 10:10
Autore: Simone Gioia
Vedi letture
Print