Un passaporto vaccinale per certificare gli spostamenti tra Paesi europei e non. Questa è l'idea che sta prendendo campo tra i leader dell'Unione, i quali hanno raggiunto una prima intesa nel Consiglio europeo in videoconferenza di giovedì pomeriggio.

Pertanto ci vorranno alcuni mesi (se ne stimano 3) per sviluppare, sottolinea Ursula von der Leyen, "un sistema interoperabile a livello europeo" concernente appositamente un certificato digitale che dovrebbe contenere "informazioni molto semplici, che siano rilevanti per attraversare i confini". Le informazioni riguardano ad esempio la data di vaccinazione, la negatività oppure l'immunità al coronavirus ottenuta nel decorso post malattia. 

A ciò si aggiungerebbe la creazione di un database recante al suo interno la registrazione delle vaccinazioni e un codice QR personalizzato riconosciuto in tutti gli Stati membri.

Sezione: Altre Notizie / Data: Ven 26 febbraio 2021 alle 22:30
Autore: Veronica Mandalà / Twitter: @very_mandi
Vedi letture
Print