Antonio Di Pietro, ex ministro, è intervenuto nel corso di Quarta Repubblica su Rete 4.

Cosa c’entra questa valigetta da 3,5 milioni con il Movimento?

“Bisogna distinguere: per me è una bufala e una calunnia sostenere che Gianroberto Casaleggio abbia ricevuto questi soldi nel 2010. Altra cosa è parlare della politica del Movimento. Questo è stato fatto perché in Venezuela fra poco ci sono le elezioni quindi per andare contro al governo attuale, non per andare contro il Movimento 5 Stelle perché all’estero non se li fila nessuno”.

Si deve aprire un’inchiesta? Parlamento deve chiedere approfondimenti?

“Se ogni volta facciamo nascere un dossier per cui si crea già un pregiudizio come al solito si crea il mostro prima che esista. Mai come in questo momento si deve capire che non è giusto creare attenzione su fatti che chiaramente non hanno alcun riscontro, se non un documento di carta che non ci azzecca niente con la valigetta”.

Sezione: Altre Notizie / Data: Lun 15 giugno 2020 alle 22:10
Autore: Simone Dinoi
Vedi letture
Print