Lascia senza parole la storia della mamma di Reggio Emilia multata per aver abbracciato e baciato suo figlio nel corso di un incontro protetto dopo 4 mesi di lockdown e colloqui telefonici. Un bambino viene allontanato dalla madre ritenuta inadeguata, sembrerebbe, solo perché sola e non in grado di conciliare i turni di lavoro con le esigenze del bimbo e poi umiliata dall’assistente sociale, che chiama i Carabinieri per far sanzionare abbracci e baci. E adesso la donna rischia di non poter partecipare neanche più agli incontri protetti che si svolgono una volta alla settimana. Un accanimento che ricorda sinistramente i metodi utilizzati nel caso Bibbiano, che mortifica e spezza i legami familiari e sul quale chiediamo che il tribunale intervenga per fare chiarezza. Se mai fosse giustificato l’allontanamento del bambino della madre per ragioni che oggi non si conoscono, sicuramente è scandaloso e ignobile aver voluto multare e sanzionare l’abbraccio di una madre a suo figlio.

Sezione: Altre Notizie / Data: Mar 16 giugno 2020 alle 21:27
Autore: Politica News Redazione
Vedi letture
Print