Intervistato da Radio Bianconera, nel corso di 'Up&Down', il politico Giuseppe Civati, grande tifoso della Juventus, commenta così la nascita della Superlega: "Io penso che il mondo sia già una Superlega, i ricchi stanno bene e i poveri sono dimenticati. Il meccanismo è quello di replicare quello che già esiste. Mi sembra un dibattito un po' surreale, il Paese è ancora bloccato. Poi c'è già la Juve che quest'anno è un motivo di dolore. Se no va a finire che lanciamo la Superlega e alla fine ne rimaniamo fuori, visti alcuni risultati in campionato. Siamo in un momento stranissimo, il Covid ha un po' condizionato il campionato e la Champions. La Champions League già adesso è una Superlega, nelle ultime annate sono arrivate in fondo sempre lo stesso. Io non sono ipocrita: è la società che è fatta così, i meriti sul campo contano fino a un certo punto, c'è sempre qualcuno che parte avvantaggiato. L'Atalanta, che in questo momento non ci è simpatica e che in campo dovrebbe smetterla di picchiare, è riuscita ad emergere in questo panorama".

Sulla compattezza della politica contro la Superlega: "Gli elettori sono anche di altre squadre. La politica italiana è molto provinciale. Comunque per me è un progetto assurdo, sembra una festa a inviti, un club privé del calcio".

Clicca sul podcast in calce per ascoltare la trasmissione integrale.

Sezione: Altre Notizie / Data: Mar 20 aprile 2021 alle 17:20
Autore: Alessandra Stefanelli
Vedi letture
Print