L'ultimo saluto a Raffaella Carrà, gigante della televisione e della musica italiana, è andato in scena oggi a Roma. La sindaca della Capitale, Virignia Raggi, ha voluto tributare così l'artista: "Grazie Raffaella. Queste semplici parole uniscono tutti noi, tutti coloro che sono qui in chiesa, tutti coloro che sono in piazza del Campidoglio o nelle proprie case e vogliono salutare una persona speciale che ha accompagnato le nostre vite. Rivolgo un particolare saluto a Sergio, Gianluca, i nipoti Federica e Matteo; e tutta la grande famiglia composta da collaboratori e amici di Raffaella. Al ministro della Cultura Dario Franceschini. Oggi l’Italia si ferma per rendere onore ad una grande donna che è diventata un simbolo del nostro Paese, non soltanto nei confini nazionali. Qui ci sono tanti giornalisti e cittadini di altri Paesi a testimoniarlo. Raffaella Carrà con il suo lavoro ha accompagnato tutte le grandi trasformazioni dell’Italia; le conquiste sociali, quelle culturali. Ognuno di noi ha un ricordo della propria vita legato ad una immagine della Carrà: d’altronde è stata attrice, cantante, presentatrice, autrice. Molto prima dell’arrivo di internet, grazie al suo lavoro, faceva ricongiungere persone che per questioni di vita erano separate da migliaia di chilometri. Un' artista completa che, grazie ad un'empatia naturale nei confronti di chi le era di fronte, ha saputo parlare soprattutto alle persone più semplici. Per questo motivo tutti noi la sentiamo così vicina. Il suo è stato, a mio avviso, un modo unico di essere “pop”, riuscendo ad arrivare a tutti, a coinvolgere trasversalmente chiunque, entrando con familiarità nelle nostre case, trasmettendo gioia, esuberanza, buonumore. Uno straordinario successo raggiunto grazie all'impegno di un'artista seria e meticolosa, perché anche un talento così grande si nutre del lavoro quotidiano. Con l’aggiunta di un ingrediente misterioso: il carisma. Quel fascino trascinante che fa sì che tutti, quelli che l’hanno conosciuta e quelli che hanno lavorato con lei, quelli che la guardavano in tv e quelli che hanno imitato i suoi passi di danza davanti allo specchio, possano descrivere Raffaella Carrà con un solo aggettivo: indimenticabile. Roma era diventata la sua città. E noi romani non la dimenticheremo. La tv era la sua casa. Le televisioni del mondo hanno voluto salutarla con collegamenti da Roma. A nome di tutti voglio ringraziare la Rai, che ha curato la diretta di questo momento; un ringraziamento a Mediaset, La7, Sky e a tutte le testate nazionali ed internazionali che hanno consentito a tutti noi di poter rivolgere un saluto a Raffaella. Ciao Raffaella, ti vogliamo bene. Grazie per quanto hai fatto e ci lasci".

Sezione: Altre Notizie / Data: Ven 09 luglio 2021 alle 15:35
Autore: Redazione Lazio
vedi letture
Print